Un nuovo test dell’olfatto potrebbe diagnosticare il Parkinson?

La maggior parte delle persone con malattia di Parkinson sperimenta la perdita dell’olfatto e il sintomo può manifestarsi fino a 10 anni prima che la condizione venga diagnosticata. Un nuovo rivoluzionario test dell’olfatto potrebbe supportare la diagnosi “rapida”.

Al momento non esiste un test definitivo per la malattia di Parkinson e, poiché i primi sintomi della patologia possono variare da persona a persona, la diagnosi a volte può richiedere mesi o addirittura anni.

Ora, i ricercatori della Queen Mary University, nel Regno Unito, hanno sviluppato un nuovo kit per il test dell’olfatto per rilevare condizioni neurologiche come il Parkinson e l’Alzheimer, nonché il Covid-19. Il test utilizza capsule di oli aromatici, poste tra due strisce di cerotto, e non è invasivo.

La perdita dell’olfatto è un segno precoce del Parkinson che può verificarsi anni prima che emergano altri sintomi motori.  Sebbene gli scienziati non sappiano quale sia la causa del sintomo, una teoria comune è che gli aggregati della proteina “alfa-sinucleina” – un segno caratteristico del Parkinson – possano iniziare nella parte del cervello che controlla l’olfatto.

Poiché la perdita dell’olfatto ha una prevalenza di circa il 90% nella malattia di Parkinson, il sintomo potrebbe essere la chiave per la diagnosi precoce. Questo è importante perché, secondo i ricercatori, “coloro che sono nelle prime fasi avranno maggiori probabilità di trarre beneficio da studi clinici neuroprotettivi e trattamenti futuri”.

Una rapida diagnosi per il Parkinson?

Per eseguire il test dell’olfatto, le capsule vengono schiacciate tra le dita e la striscia di nastro viene staccata. Questo rilascia un aroma e i ricercatori possono quindi valutare la capacità di una persona di riconoscere l’odore.

In uno studio, pubblicato sul Journal of the Royal Society Interface, un piccolo gruppo di otto persone con malattia di Parkinson ha effettuato il test olfattivo della capsula e un test dell’olfatto “gratta e annusa”. In entrambi i test, è stato chiesto di identificare sei diversi profumi: cocco, mentolo, ciliegia, arancia, chiodi di garofano e cipolla. In ogni round, ai pazienti è stato chiesto di condividere ciò che odoravano.

I risultati hanno mostrato che gli odori erano più facili da identificare nel test della capsula. I partecipanti hanno anche evidenziato la facilità di frantumazione delle capsule rispetto al metodo di graffiatura, in particolare per chi ha tremori. Sebbene esistano già test dell’olfatto per la diagnosi, sono costosi e non ampiamente disponibili.

Il dott. Ahmed Ismail, ricercatore principale dello studio, ha affermato: “Il nostro test dell’olfatto basato su capsule può aiutare nella diagnosi rapida di varie malattie legate alla perdita dell’olfatto.

Il nostro test basato non presenta un problema economico perché la quantità di odore rilasciato è controllata dalla quantità di olio, incapsulata con precisione. La produzione in serie del nostro nuovo test sarebbe anche più economica di un test ‘gratta e annusa’.”

Gli autori hanno concluso che, sebbene lo studio abbia evidenziato i vantaggi del nuovo test, “sono necessarie ulteriori ricerche per quantificare questo valore”. Hanno aggiunto che l’efficacia del test può variare a seconda che un test sia lo screening per il Parkinson, l’Alzheimer o il Covid-19 poiché l’entità della perdita dell’olfatto può variare a seconda della condizione.

In questo link potete trovare l’articolo originale di Parkinson Life (https://parkinsonslife.eu/new-smell-test-diagnose-parkinsons-disease/) invece su questa pagina è possibile leggere la pubblicazione dello studio: https://royalsocietypublishing.org/doi/10.1098/rsif.2021.0039